Una mattina in ufficio con la Revoe. La bici pieghevole

Marco Campagnolo
Marco Campagnolo
  • 05 giu 2020
  • 5 minuti
Una mattina in ufficio con la Revoe. La bici pieghevole
“Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia”
Erasmo da Rotterdam

Fino a qualche anno fa, chi avrebbe mai detto che una bici pieghevole si sarebbe potuta trasportare con facilità per essere riposta in un angolo in ufficio e che le nostre pedalate sarebbero state assistite da un motore elettrico a batteria in grado di supportarci nelle salite o nei tratti più intensi?

La lucida e visionaria follia di qualcuno in un passato non troppo lontano, accompagnata da nuove esigenze di mobilità in spazi urbani sempre più affollati e trafficati, ha aperto la strada ad un mercato di bici del tutto nuovo che è in grado di regalare enormi soddisfazioni e che si è in poco tempo guadagnato l’apprezzamento di molti impiegati e lavoratori che hanno deciso di rivedere il loro modo di spostarsi in città. 

Allora, non potevamo non provarla anche noi, almeno per un solo giorno.

BestOnDesk, ha più e più volte promosso la mobilità green, soprattutto nei grandi contesti urbani, e per quanto riguarda il tratto casa ufficio e ritorno, essendo il più delle volte un percorso medio di circa 15 km, non c’è miglior soluzione di una bici a pedalata assistita.

Analizziamo insieme la nostra esperienza di un giorno in ufficio con la Revoe.

Ore 8.00, pronti alla partenza.

Igor, il più attento e preciso di noi, amante dell’unboxing, era già pronto davanti alla nuova fiammante Revoe, ricevuta il giorno prima proprio per essere testata e recensita.

Montata con facilità in circa 15 minuti, (arriva effettivamente già montata per il 90% come indicato), indossato casco e mascherina, ecco la prima prova; l’apertura del mezzo. 

Com’è andata?

Igor: “Niente di più semplice e intuitivo, la bici risulta leggera essendo un telaio in alluminio, molto pratica da aprire. Non serve fare sforzi particolari. Prima si alza il manubrio che in posizione di riposo risulta piegato verso il basso, poi con due mani, una sul manubrio ed una sulla sella, basta far ruotare quest’ultima fin quando il tubolare centrale si allinea raggiungendo la forma diritta della classica bici. A quel punto, con un movimento intuitivo si spinge la leva centrale e si blocca in sicurezza; operazione che renderà il telaio unito e stabilizzato”.

Si avverte che si tratta di due parti originariamente piegate?

Igor: “Assolutamente no. Immaginando di non essere a conoscenza di stare in sella ad una bicicletta pieghevole, non si avrebbe il minimo dubbio sul fatto che il telaio sia il classico blocco intero senza nessuna divisione. La struttura risulta stabile, solida e soprattutto robusta. Il punto in cui si unisce è composto da due blocchi con un terminale saldato per parte che aderisce perfettamente e si chiude diventando un blocco unico”.

Come funziona su strada? È difficile da usare?

Igor: “La bici ha 3 velocità 6, 15, 25km/h, si può decidere quale scegliere ma non c’è gradualità se non il tempo tecnico di incremento di spinta, ad ogni modo basta toccare il freno e la bici perde immediatamente potenza tornando totalmente a pedale, tipo il sistema cruise controll delle auto, comodo e sicuro”.

Quali sono stati i principali vantaggi grazie al suo utilizzo?

Igor: “Prima di tutto, dato il mio lavoro a stretto contatto con altri, ho trovato fondamentale riuscire ad arrivare al lavoro in bici dopo 18 Km senza sudare e senza avvertire quella spiacevole sensazione di caldo che a volte mette a disagio. Giungere in ufficio fresco come una rosa, anche per chi magari incontra clienti o fornitori è da considerarsi un enorme vantaggio. In secondo luogo, certamente la possibilità di variare l’intensità, la velocità e il ritmo in base al tempo a disposizione, la nostra voglia di spingere più o meno sui pedali e così via.  

Come sono i comandi?

Igor: “Si tratta di una piccola console led posta sul manubrio dalla quale si può gestire la velocità ma cosa più importante, mostra l’autonomia della batteria che suggerisco di tenere sotto controllo, soprattutto per chi si aggira intorno ai 40/45 km da percorrere.

Nel mio caso, non ho percorso 18 km da casa all’ufficio alternando un tratto rettilineo in cui ho testato la massima velocità (ottima ripresa devo dire) a curve e incroci dove ho preferito utilizzare la bici nel modo tradizionale, alternando un po’ tutti le modalità”.

Occupa molto spazio?

Igor: “Una volta arrivato in ufficio, si apre la leva che unisce il telaio, si ripiega il manubrio e in pochi minuti la bici si trasforma per non dare fastidio e per occupare meno spazio possibile. Dietro la mia sedia ci sta perfettamente”.

In quanto tempo si ricarica?

Igor: “Meno di 4h per una ricarica completa, i dati dichiarati corrispondono perfettamente”.

Qualche contro oltre a tanti pro?

Igor: “Bè, qualche svantaggio c’è, come ad esempio quello di non essere molto ammortizzata anche a causa delle sue dimensioni, per questo su una strada a mattonelle o piena di buche, il colpo si avverte. Occhio quindi alle condizioni dell’asfalto e al tipo di strade da percorrere.

Per quanto riguarda l’estetica?

Igor: “Si tratta dell’incarnazione del modello Urban style, affascinante, moderna, per l’impiegato che sta al passo con i tempi. Non importa se si hanno 19 anni o 50, ciò che conta è la grande libertà che si avverte passando tra le vie del centro città, sotto gli occhi dei passanti che ti notano e ti osservano voltandosi con interesse e oserei dire anche un pizzico di invidia. Decisamente un design al top e il giusto colore per mantenere quel tocco distintivo che è segno di professionalità e classe.

In definitiva, la consiglieresti a tutti gli impiegati, manager e dipendenti che stanno meditando di cambiare qualcosa nel loro modo di recarsi in ufficio o che semplicemente desiderano regalarsi una nuova bici?

Igor: 👍

Che dire, uomo di poche parole, ma dal chiaro significato quando si tratta di bici pieghevole.

Clicca e scopri tutti dettagli tecnici dal fornitore:

  • REVOE - URBAN Bicicletta Elettrica Pieghevole Misto Adulto, Nero
  • Telaio in alluminio - Motore 250 W
Ultimo aggiornamento 2021-11-28 at 06:14

Valutazione di Igor di BestOnDesk: 5/5

Ti interessa il bonus mobilità che proprio in questi giorni il governo sta mettendo a punto?

Vuoi informazioni su come ottenere il rimborso di 500 euro per l’acquisto di bici o monopattini?

Nessun problema, in questo articolo troverai tutte le risposte alle tue domande:

Leggi l’articolo sul bonus mobilità e come ottenerlo anche su Amazon:

Ultimi post su BestOnDesk
Resta in contatto

Post correlati